Skip to main content

“KOLJA E ALTRI RACCONTI”

Kolja e altri racconti

“KOLJA E ALTRI RACCONTI”

di Alberto M. Contessa

Kolja e altri racconti

 

Dalle storie emerge una pluralità di temi: il tumulto di sentimenti che tormenta chi si è allontanato più o meno forzatamente dai luoghi di origine (Kolja, Morire a Tomi, Pastori e pecore…); il confronto tragico tra due padri, che per la salvezza dei propri figli sono disposti a fare qualsiasi gesto, che sarà comunque gesto di pietà e ricerca di redenzione (Requiem per un padre); il rovesciamento dei ruoli di una favola popolarissima che rimette in piedi una storia altrimenti traballante (Cappuccetto rosso non c’è più); lo spettacolo carico di sensualità giocato su un palcoscenco singolare tra sguardi che si incrociano e fingono d’ignorarsi (Persiane verdi); la presenza e poi la scoperta del mistero che si nasconde dietro una porta sempre chiusa in un tranquillo ambiente domestico (La visita alla casa dei nonni). La Farmacia dei Tropi ha una trama più complessa; l’intreccio tra teatro, sogno, realtà virtuale, da un lato, e uno strano commercio di parole e di figure linguistiche, dall’altro, può far girare la testa; nella sostanza vuole essere un omaggio a un intellettuale italiano di fama mondiale che ha saputo combinare la profondità scientifica con la leggerezza del gioco.

.

.

.

Alberto M. Contessa è nato a Foggia e vive a Roma. Ha percorso tutta la carriera al servizio di una prestigiosa istituzione anche con incarichi internazionali. È autore di tre testi teatrali e di numerosi racconti che hanno ricevuto riconoscimenti in concorsi letterari nazionali.