Skip to main content

“LA RAGAZZA DEL VICOLO DELLA SERPE”

Senza titolo-3 (2)

“LA RAGAZZA DEL VICOLO DELLA SERPE”

di Sandro Federici 

Senza titolo-3 (2)

Ma Pia sapeva bene cosa significasse lasciare il lavoro, ovvero: ricominciare a stare chiusa in casa e uscire solo per fare la spesa riducendo la socialità alle chiacchiere da mercato. Ricominciare a passare le giornate tra piatti da lavare, panni da stirare, lenzuola da cambiare, mobili da spolverare. Lo aveva fatto per anni, da quando era bambina.

Roma. Pia nasce nel 1928 nel quartiere periferico di Roma del Portuense. Una vita povera ma serena, piena di certezze che però le vicende personali e quelle della Storia riducono presto in frantumi.  Bisogna ricostruire, trovare una nuova strada nell’Italia del dopoguerra. Pia e l’Italia cercano di crescere: ci riusciranno? Sullo sfondo, le vicende di una piccola comunità che vive le sue difficoltà, le sue gioie, le sue passioni, le sue tragedie, fino all’arrivo del “progresso”.  Tra Trastevere e Portuense, Monteverde e Bravetta, si svolge la storia di queste famiglie. È l’affresco di una città che non esiste più, ma fa parte del patrimonio genetico di tante generazioni…

__________________

Sandro Federici è nato a Roma, dove si è laureato in “Scienze Geografiche per l’ambiente e la salute” presso l’Università La Sapienza. Ha lavorato per oltre 40 anni nel settore del credito e della finanza, ricoprendo incarichi di responsabilità presso importanti aziende. Tante le passioni coltivate: dal calcio alla narrativa, dal canto al podismo, dallo studio ai viaggi. Di recente la sua attività preferita è diventata quella di nonno. Il suo primo romanzo edito è stato “Le mele cotte”, pubblicato nel 2007 da “Liberi Editore” e presentato in varie rassegne nazionali. Hanno fatto seguito “Frammenti di solitudine” nel 2008 e “Il pallone dei sogni” nel 2010.