Skip to main content

“L’INCEDERE DEL GAMBERO – Riflessioni personali su un mondo che va all’indietro. Utopia o Rivoluzione?”

Senza titolo-1 (2)

“L’INCEDERE DEL GAMBERO – Riflessioni personali su un mondo che va all’indietro. Utopia o Rivoluzione?”

di Nicola Mascolo

Senza titolo-1 (2)

Osservare, conoscere, capire, tendere alla verità, ecco gli imperativi della nostra esistenza di esseri umani.

 

L’Italia, questa dolce, bella e tenera cenerentola, tenuta a fare la sguattera dalle arcigne sorelle europee, può avere i suoi giusti meriti, se un principe, che veste i panni di una classe politica capace e onesta, saprà ricompensarla dei suoi valori e delle sue bellezze che le sono riconosciute da tanti Paesi.

Fuori di metafora, l’autore, osservatore della politica e della sociologia, guarda, disincantato, l’Italia nella sua bellezza, vedendo la deriva e le mistificazioni della società contemporanea.

Tenta di intravedere le possibili soluzioni, non esaustive, per ridare all’Italia il giusto valore che le compete, anche quale possibile guida per il club europeo che si atteggia a Stato, ma che Stato non è.

Il “Re gambero” che incede all’indietro, tenta di riportare la società ove non deve andare.

Il dibattito politico che usa parossisticamente schemi e parole ormai obsolete, guarda ancora a un “Re gambero” che è irrimediabilmente nudo.

La “società” definita “popolo” e populista, termine misterioso, che ad essa guarda, necessita di un riscatto consapevole dal basso.

 

Nicola Mascolo, napoletano di nascita ma trapiantato a Roma dove vive, è sposato e ha tre figli.

Diplomato tecnico alla scuola tradizionale, nella sua lunga esperienza lavorativa di molte attività sia di carattere tecnico, sia amministrativo dal 1958, in 60 anni di lavoro ha accumulato una esperienza della quale oggi si avvale con gratitudine.

Durante la sua vita lavorativa ha subìto il fastidio di essere chiamato impropriamente, una volta ingegnere, altra volta dottore, per fortuna mai professore, ma non se ne è fatto un cruccio. A tutti è data la facoltà di esprimersi a proprio piacimento.