Skip to main content

Shop

L’ULTIMO SENSO – Todimax 2020

 15.00

Descrizione prodotto

di Vin Dimax

 

Senza titolo-1 (4)

 

Si tratta di qualcosa che è destinato a cambiare il mondo e la storia di Internet. Qualcuno ha deciso che l’ora è arrivata. La rete è pronta per ospitare una guerra!

Settembre 2020. La multinazionale americana Mapture del Presidente Price ha deciso di inaugurare a Napoli, la Hackademy, prima accademia mondiale dello sviluppo tecnologico.

Nello stesso periodo il più illustre fisico e scienziato vivente, l’anziano Professor Yaki, sopravvissuto al bombardamento di Hiroshima del 6 agosto 1945, riesce a prelevare dal centro della Terra lo Sliver, il frammento di materia primordiale risalente al primo istante dopo il Big Bang, grazie al quale aumenta esponenzialmente il potere della propria mente fino ad arrivare al controllo del mondo.

La difesa del pianeta è affidata ai ragazzi dell’Hackademy, in particolare a Tommaso che gradualmente, diventa Todimax, eroe moderno con il volto parzialmente coperto dal berretto che si opporrà a Yaki nella dimensione parallela da cui tutto scaturisce grazie alle sue interazioni con personaggi del passato come Raimondo di Sangro e Federico II.

Gli eventi si svolgono specialmente tra New York, Tokio e la contraddittoria città di Napoli che nasconderà fino all’ultimo il segreto dell’apparentemente incomprensibile sua scelta come sede dell’avveniristica Hackademy.

____________________

Vincenzo Di Massa, in arte Vin Dimax, nasce a Trieste 46 anni fa da genitori napoletani. Laureatosi in ingegneria aeronautica a pieni voti, abbina all’interesse per il volo, l’amore per la lettura, in particolare del genere giallo-poliziesco. Appassionato di storia, filosofia, fisica, astronomia, meccanica quantistica e internet, approccia quest’ultimo come fonte di informazioni e conoscenze per soddisfare un’implacabile curiosità, forse la vera ispirazione de l’Ultimo Senso, il suo primo romanzo. Ama muoversi con i mezzi pubblici e pensare camminando a passo svelto “come se le gambe creassero una connessione logica tra il caos dei neuroni